Arrivano i nostri (Il Cammeo) (Italian Edition) by Alfio Caruso

By Alfio Caruso

Lo sbarco in Sicilia del 10 luglio 1943 apre il secondo fronte in Europa e dà una svolta decisiva alla seconda guerra mondiale. Soltanto pochi mesi prima, Roosevelt e Marshall erano convinti che in quell'estate sarebbe avvenuta l'invasione della Francia. Ma Churchill nel vertice di Casablanca aveva spinto according to los angeles conquista della Sicilia in modo da propiziare l. a. caduta del fascismo in Italia. Quello sbarco - il primo nella Storia che vide impegnati ottantamila uomini - è los angeles conclusione del più imponente e sconosciuto intrigo politico-spionistico della guerra. Una vicenda che incomincia nell'estate del 1932, dentro gli accaldati saloni dell'hotel Drake a Chicago, e i cui effetti durano in Italia ancora oggi. Poi, durante il conflitto, con largo anticipo sulle difficoltà militari dell'Asse, molti personaggi di rilievo tramano in line with il salto di campo: dal Terzo Reich agli Alleati. Al conseguimento di story risultato contribuiscono istituzioni fra loro lontanissime come l. a. massoneria e gli ambienti vaticani. Il comportamento di alcuni ammiragli italiani fa sì che informazioni cruciali giungano ai servizi segreti nemici, e così verranno mandati a morire decine di migliaia di ragazzi della generazione sfortunata. Con l. a. raccomandazione dei cugini di long island, gli sconosciuti mafiosi siciliani si prestano a essere i maggiordomi dei nuovi padroni nella speranza di raccattare le briciole. I paisà della «sezione Italia» dell'oss scorrazzano in line with l'isola. A Catania un professore universitario, che è fascista e antifascista, comunista e indipendentista, arruola i suoi studenti in keeping with spiare a favore della Gran Bretagna. Pantelleria, definita un bastione imprendibile, si arrende senza sparare un colpo. Augusta, los angeles piazzaforte più importante del Mediterraneo, viene abbandonata sei ore prima dell'invasione. Ciò nonostante, quasi cinquemila soldati italiani muoiono according to contrastare uno sbarco orchestrato da quanti nel dopoguerra ne trarranno ogni sorta di beneficio.

Show description

L'Italia intelligente (Italian Edition) by Cassata Francesco

By Cassata Francesco

Nella primavera del 1962, a Napoli, il Laboratorio internazionale di genetica e biofisica (Ligb) iniziava le proprie attività. los angeles costituzione del laboratorio rappresentava il coronamento di una battaglia decennale condotta dal suo fondatore, Adriano Buzzati-Traverso – fratello dello scrittore Dino – according to rinnovare e modernizzare l’organizzazione della ricerca scientifica in Italia. In pochi anni, il Ligb raggiunse fama di livello internazionale, candidandosi a possibile sede del futuro laboratorio europeo di biologia molecolare. Ma qualcosa andò storto. Nel 1969, infatti, quando period ormai alle porte un accordo internazionale con l’Università di Berkeley according to los angeles costituzione a Napoli della prima scuola di dottorato in biologia molecolare in Italia, il Laboratorio venne travolto da una profonda crisi, che vide significativamente affiancati, contro il comune avversario, da un lato alcuni settori dell’università e del Cnr, ostili all’esperimento di Buzzati fin dagli esordi, e dall’altro una compagine di tecnici, ricercatori e borsisti, pronti a occupare il laboratorio e a scagliarsi contro l. a. direzione, etichettando los angeles biologia molecolare come «scienza borghese», «americana» e «reazionaria». Attraverso una ricerca basata su un’ampia e inedita base documentaria, Francesco Cassata racconta un caso esemplare che ha molto da dire all’Italia di oggi. Le vicende politico-istituzionali e l. a. storia della scienza si intrecciano, portando alla luce una serie di questioni tra loro connesse: los angeles nascita, nell’Europa della guerra fredda, dell’egemonia statunitense in campo scientifico; l. a. cooperazione scientifica internazionale; l. a. crisi del sistema universitario e l’organizzazione della ricerca nel nostro paese. Questioni nate nell’Italia del increase, un’Italia che, da quel momento in poi, troppo spesso ha sprecato il talento e il genio dei suoi cervelli, perdendo competitività e smettendo di scommettere sul proprio futuro.

Show description

La Storia ci ha mentito: Dai misteri della borsa scomparsa by Arrigo Petacco

By Arrigo Petacco

Quante furono davvero le armi segrete a cui Hitler affidò fino all'ultimo le proprie speranze di vittoria? Quali obiettivi ispirarono il temerario volo sulla Gran Bretagna del gerarca nazista Rudolf Hess? Che cosa conteneva realmente l. a. famosa borsa che Mussolini portava con sé al momento della sua cattura a Dongo? Sono alcuni dei misteri che continuano a suscitare l'interesse di tanti appassionati di storia. Su questi e su molti altri episodi della seconda guerra mondiale e del ventennio che l'ha preceduta indaga Arrigo Petacco, assolutamente convinto che molti di quegli eventi siano stati raccontati enfatizzando le ragioni dei vincitori e tacendo quelle dei vinti. Ogni volta che è scoppiata una guerra, afferma nell'Introduzione, «la prima vittima è sempre stata l. a. verità (le bugie sono necessarie consistent with demonizzare il nemico), ma poi, quando los angeles guerra è finita, le bugie dei vincitori sono diventate delle "verità", mentre quelle dei vinti sono sopravvissute sottotraccia». Una prospettiva che sarebbe arrivata alle estreme conseguenze con il trattamento riservato al Giappone sconfitto, costretto a lungo a rimuovere l. a. propria storia dai manuali scolastici.
Questo libro si propone appunto di recuperare il punto di vista dei vinti, di mostrare «il rovescio della medaglia ». Al centro dell'analisi si staglia lo scacchiere europeo nella seconda metà degli anni Trenta. Uno state of affairs inquieto e mutevole, con rapporti altalenanti tra le grandi potenze, in cui tutte le alleanze erano ancora possibili. In particolare Petacco ritiene il patto fatale tra Mussolini e Hitler non come un'inevitabile convergenza tra due regimi, ma come il risultato di un atteggiamento miope verso l'Italia da parte di Francia e Inghilterra.
Proprio l. a. figura del Duce, l. a. sua parabola politica ed esistenziale, è oggetto di un dettagliato approfondimento, che si avvale anche di un'inedita testimonianza della figlia Edda. Dal delitto Matteotti al 25 luglio, dall'«apertura a sinistra» dei primi anni Venti al crepuscolo della Repubblica sociale, si sviluppa così una lettura according to molti aspetti inconsueta dell'esperienza di Mussolini. Una ricostruzione dove l. a. grande storia si intreccia con curiosità e aneddoti della vita privata, come l'amicizia con Pietro Nenni, in qualche modo sopravvissuta alle insanabili divergenze ideologiche, o il bizzarro tema d'esame dell¿aspirante maestro di Predappio, e naturalmente l. a. relazione con Claretta Petacci, una vicenda capace di calamitare l'opinione pubblica anche nella tormentata property del 1943.
Una visione dei fatti, quella di Petacco, che intende mettere in discussione molte certezze degli storici, ma non un principio fondamentale: «I regimi che violano i diritti civili e vietano los angeles libera circolazione delle idee devono essere accomunati in un'unica condanna».

Show description

I ragazzi che volevano fare la rivoluzione: 1968-1978: by Aldo Cazzullo

By Aldo Cazzullo

Marzo 1963: Palmiro Togliatti parla alla Normale di Pisa. Un ragazzo lo apostrofa: «Perché non avete provato a fare los angeles rivoluzione?». «Provaci tu, se sei capace» risponde irritato il segretario. «Lo farò, lo farò.» Il ragazzo si chiama Adriano Sofri. Sei anni dopo fonda Lotta continua. In questa nuova organizzazione rivoluzionaria ci sono i suoi amici pisani, gli studenti che hanno occupato le università, gli operai della Fiat, immigrati, arrabbiati, ribelli. I ragazzi di Lotta continua distribuiscono volantini alle porte delle fabbriche, si scontrano con los angeles polizia, organizzano concerti, finiscono in carcere. Il 12 dicembre 1969 scoprono in piazza Fontana che in gioco ci sono los angeles vita e l. a. morte. Attraverso giornali, volantini, documenti interni al movimento, rapporti di polizia e testimonianze dirette, Aldo Cazzullo ricostruisce in questo libro, qui presentato in una nuova edizione rivista, los angeles storia del più originale gruppo della nuova sinistra italiana, dalla scintilla del Sessantotto alla condanna del delitto Moro. Il suo è il racconto della formazione di politici e intellettuali, delle illusioni svanite nel terrorismo o nella droga, dell'avventura dell'ultima generazione che ha affidato l. a. vita e l. a. ricerca della felicità alla politica.

Show description

Roma infinita (Italian Edition) by Luca Canali

By Luca Canali

"Ho trovato una città di mattoni, ve l. a. restituisco di marmo." "Dopo lunghe e raffinate torture, faceva precipitare in mare i condannati, davanti ai suoi occhi; un gruppo di marinai li attendeva coi remi e con gli arpioni e ne dilaniava i corpi, affinché non potesse rimanervi il minimo residuo di vita." "Se los angeles tua morte sarà pianta da tutti i tuoi amanti, piangerà mezza Roma." Ogni grande impero si basa sul sangue e sugli intrighi. E l'impero romano, che è stato il più grande di tutti, non fa differenza. Sete di affermazione e di ricchezze, lussuria, erotismo, rapacità, vendette hanno trasformato un piccolo villaggio della campagna laziale in una città padrona del mondo. Sinonimo stesso di forza e di coraggio, ma soprattutto di potere. E al gioco del potere, o si vince o si muore. Dalla repubblica alla monarchia all'impero, non c'è sfrenatezza a cui i protagonisti dell'Urbe non si siano lasciati andare. E non c'è arma - pugnale, spada, fuoco, maldicenza, veleno, sesso - che non sia stata usata. Dalla penna di uno dei più illustri latinisti, intrecciando racconto e fonti storiche, l'avvincente affresco di una Roma covo di belve e vivissima di fermenti e di menti geniali. Perché los angeles forza è utile consistent with conquistare il potere, ma consistent with mantenerlo serve los angeles grandezza.

Show description

Marco Aurelio: La miseria della filosofia (Italian Edition) by Augusto Fraschetti

By Augusto Fraschetti

Sulla figura mitica di Marco Aurelio, l’imperatore filosofo, mite, fedele al Senato e rispettoso del popolo, si allungano oggi le ombre del dubbio. Il suo regno è in realtà costellato di gesti e provvedimenti inquietanti: basti pensare alla volontà, che si rivelò tanto imperterrita quanto di fatto impossibile, di conquistare ampi settori del libero mondo di Germania, alle persecuzioni contro i Cristiani, advert alcune sue disposizioni di carattere sociale. In queste pagine il più amato imperatore della Roma antica è ritratto alla cruda luce dello sguardo imparziale della storia.

Show description

La vita quotidiana alla fine del mondo antico (Universale by Giorgio Ravegnani

By Giorgio Ravegnani

Fra il IV e il VI secolo los angeles società antica subisce grandi cambiamenti, legati all’affermazione del cristianesimo, alla divisione definitiva dell’impero in due parti, con l’emergere della nuova città di Costantinopoli nella metà orientale, e infine alla caduta dell’impero romano d’Occidente, travolto dalle invasioni barbariche. Com’era los angeles vita quotidiana in quella turbolenta epoca di transizione? Il libro ce l. a. restituisce in tutta los angeles sua ricchezza e in rapporto ai diversi strati sociali.

Show description

Storia di Roma e dei romani: Da Napoleone ai nostri giorni by Catherine Brice,Alessandro Serio

By Catherine Brice,Alessandro Serio

A partire dalla metà dell’Ottocento los angeles storia di Roma è innanzi tutto los angeles storia di una triplice capitale: dell’Italia unita, del cattolicesimo, degli amanti dell’arte e dell’antichità. Talvolta alleate, spesso rivali, queste tre capitali hanno contribuito a dare alla città eterna uno prestige unico al mondo, ma anche una cronica instabilità.
Roma è anche un cantiere permanente. A partire da Napoleone e fino alle grandiose risistemazioni del giubileo del 2000, i pontefici, i re d’Italia, il Duce e le varie amministrazioni comunali hanno senza sosta demolito, costruito, trasformato. Gli innumerevoli progetti urbanistici che si sono avvicendati nel pace hanno creato nella città una profonda stratificazione architettonica, anche questa unica al mondo: in quale altro luogo potremmo trovare un intervento come quello compiuto da Richard Meier nel 2006 all’Ara pacis, edificata sotto l’imperatore Augusto, in una piazza restaurata da Mussolini, all’ombra di una chiesa barocca?
Con passo lieve, ma con rigore storico, Catherine Brice ci guida attraverso gli ultimi due secoli della storia di Roma, ricostruendone le vicende culturali, sociali, di gown, e restituendoci i colori, le luci, i rumori di una città sempre in bilico tra l. a. conservazione del passato e le sfide di volta in volta poste dalla modernità.

Show description

Le relazioni tra Stati Uniti e Italia nel periodo di Roma by Matteo Sanfilippo,Ugo Rubeo,Giuseppe Monsagrati,John T.

By Matteo Sanfilippo,Ugo Rubeo,Giuseppe Monsagrati,John T. McGreevy,Stefano Luconi,Paola Gemme,Daniele Fiorentino,Ferdinando Fasce,Marco De Nicolò,Valerio Massimo De Angelis,Leonardo Buonomo,Marco Severini

Questo è il terzo quantity di un lavoro di ricerca collettiva iniziata otto anni fa dal Centro di Studi Americani. Dopo l. a. pubblicazione dei volumi relativi alla Repubblica Romana e all'Unità d'Italia si presenta qui una collezione di saggi sugli Stati Uniti e los angeles questione romana. Lo scopo è ancora una volta quello di analizzare le reazioni statunitensi alle profonde trasformazioni che interessavano los angeles penisola nel secondo Ottocento, focalizzando l'attenzione sugli anni immediatamente precedenti ed immediatamente successivi alla Breccia di Porta Pia. L'argomento non è ignoto alla storiografia, ma ha ricevuto una trattazione limitata, soprattutto dopo le pubblicazioni, ormai lontane nel pace, di Howard R. Marraro e Leo F. inventory negli Stati Uniti e di Giorgio Spini in Italia. Quello attuale è perciò il primo tentativo dopo decenni di riprendere in considerazione story tematica, e di affrontarla sotto prospettive nuove mantenendo al centro del lavoro l. a. discussione nazionale e internazionale su Roma capitale. Il quantity d'altronde non mira a definire tanto los angeles temperie culturale negli Stati Uniti, quanto a capire come essa abbia ispirato una serie di iniziative diplomatiche e politiche: dal sostegno, neanche troppo velato, alla fase finale del nostro Risorgimento al riconoscimento di Roma capitale italiana, nonostante le proteste cattoliche. Come rilevano alcuni dei contributi, il discorso sull'Italia e su Roma period a volte uno specchio in line with parlare di questioni interne alla nazione divisa in due dalla guerra e dalla ricostruzione che ne seguì. Ancora una volta ci si è affidati alle fonti archivistiche cercando comunque di tenere presente un quadro più vasto dei rapporti diplomatici o religiosi. according to questo il presente quantity fonde storia e letteratura e non disdegna il confronto con altre forme di espressione in modo di rendere meglio conto dell'atmosfera culturale negli Stati Uniti di quegli anni.

Il quantity è a cura di Daniele Fiorentino e Matteo Sanfilippo.

Show description